Che tipo di studente di italiano sei? (8 categorie ironiche)

che-tipo-di-studente-sei
Nei miei corsi di lingua italiana per stranieri ho conosciuto tantissime persone e tanti tipi di studenti diversi e per fortuna mi sono sempre trovato benissimo con tutti. Nonostante ogni persona sia diversa, con differenti necessità e velocità, a volte ci sono delle caratteristiche comuni che ritornano. Ho deciso allora di scrivere una piccola lista ironica e divertente con le categorie più divertenti di studenti di lingua italiana. E tu che tipo di studente di italiano sei?

1 – IL PRECISO Sei un amante della grammatica e dell’ordine. Per questo tipo di studente di italiano la lingua non ha segreti, ma quando trovi le eccezioni o qualcosa che non capisci vai nel panico e diventi un po’ nervoso. Ami gli esercizi e li fai sempre con precisione. Quando sbagli, però, inizi a sudare e a sfogliare il manuale finché non capisci l’errore. La cosa peggiore che ti possa capitare è un insegnante che spiega una regola in un modo poco chiaro: se questo succede ti lamenti con la tua migliore amica di studi. Se invece c’è un altro studente al tuo livello, o migliore, allora quello diventa un nemico da battere!

LA TUA LEZIONE PREFERITA: In una classe con pochi studenti, tra i quali sei, ovviamente, il migliore. La lezione migliore è quella dove si fanno tanti esercizi di grammatica (che tu fai tutti giusti) e si parla poco.

2– LO STUDIOSO Studi tutto a memoria, anticipi gli altri studenti e studi la lezione prima che sia spiegata dall’insegnante. Sei uno studente di italiano molto bravo nella lettura e ami conversare, ma ti innervosisci quando in classe ci sono studenti che hanno difficoltà o che sono più lenti di te, perché l’insegnante deve aiutarli e non può concentrarsi sui tuoi bisogni.

LA TUA LEZIONE PREFERITA: Online e individuale, così puoi concentrarti meglio: è quella dove impari le espressioni italiane e i modi di dire che scriverai sul tuo diario per poterle usare immediatamente appena finita la lezione.

3– L’ANNOIATO Non ricordi perché ti sei iscritto al corso di italiano. Parli un perfetto inglese, e con l’inglese puoi fare proprio tutto! Mangiare, shopping, feste, etc… A lezione parli poco, e ancora ti chiedi quale sia la differenza tra gli articoli IL e LO. Per fortuna dopo la lezione c’è un bell’aperitivo che ti aspetta con i tuoi amici che parlano inglese!

LA TUA LEZIONE PREFERITA: quella a cui non sei andato perché hai dormito fino a tardi.

4 – L’INFILTRATO Tu sei quello studente di italiano che inizia in un livello A1, ma in realtà hai vissuto 10 anni in Italia e sai addirittura usare il congiuntivo. Però dici all’insegnante che vuoi rivedere le regole della grammatica piano piano, perché non hai mai studiato e vuoi fare le cose bene e con ordine. Quando parli i tuoi compagni non capiscono niente, perché, appunto, sei più avanti di loro. L’insegnante ti risponde un po’ imbarazzato, perché sa che sei nel livello sbagliato, ma non può fare niente per impedirtelo.

LA TUA LEZIONE PREFERITA: in realtà il momento più bello di tutti è quello dell’iscrizione, dove spieghi perché ti iscrivi e perché non puoi andare in un livello più alto. Infatti, da quel momento, l’insegnante cercherà di evitare di farti parlare, per non creare disagio in classe.

5 – L’INFILTRATO parte 2 C’è una seconda categoria di studente di italiano infiltrato: sei uno studente di livello elementare ma vuoi assolutamente fare un corso B1 perché credi di sapere le regole. Se sei in un corso individuale non c’è problema, ma in una classe rischi molto! Quando gli altri usano bene i verbi e il congiuntivo, tu devi ancora ripassare la coniugazione del presente. Ma non noti le tue difficoltà, e continui a pensare che tutto vada bene e di essere al livello giusto. L’insegnante cerca di farti capire che dovresti frequentare un livello più basso, ma secondo te sta esagerando, perché sei consapevole delle tue competenze.

LA TUA LEZIONE PREFERITA: ti piace essere in classe con altre persone, dal vivo. La lezione migliore è la prima, dove ti sei presentato usando un discorso imparato a memoria, l’unico che gli altri abbiano capito.

6 – IL VELOCISTA Sei quello studente di italiano che chiede, quando ti iscrivi al corso di italiano, quanto tempo ci vuole per completare il livello. Se sei un livello A1, chiedi se in due mesi puoi diventare un B2. L’insegnante cerca di farti capire che non è così facile, e soprattutto che studiare la grammatica non significa completare un livello. Servono tanti mesi e tanta pratica per passare DAVVERO al livello successivo. Quindi abbi pazienza, non avere fretta, e vedrai che raggiungerai i tuoi risultati.

LA TUA LEZIONE PREFERITA: online, così puoi fare tutte le lezioni che vuoi ogni volta che hai tempo libero.

7 – IL SIMPATICONE Ami scherzare e ridere. A lezione ti diverti e sorridi sempre. Ma a volte esageri con le battute senza rendertene conto. I tuoi compagni ti considerano molto simpatico e fai sorridere tutti. Ma ammettilo: il vero motivo per cui vai a lezione è per stare in compagnia e per passare due o tre ore in buona compagnia.

LA TUA LEZIONE PREFERITA: a scuola, dal vivo, con un insegnante giovane e allegro come te, che ama discutere di cultura e un po’ meno di grammatica. E magari con una classe grande che possa ridere delle tue battute.

8 – L’IMPANICATO La notte hai molti incubi dove vieni inseguito dai pronomi cattivi che ti vogliono fare male. Pensi che la grammatica italiana sia impossibile e quando l’insegnante spiega una nuova regola tu lo guardi in modo triste, rischiando di piangere. Passi il pomeriggio e la notte a studiare le coniugazioni dei verbi, ma quando inizi a parlare la tua mente diventa vuota e dimentichi anche come ti chiami. Ma alla fine riesci sempre a farti capire: hai solo bisogno di un po’ di relax e meno pressione!

LA TUA LEZIONE PREFERITA: Quella dove l’insegnante non ti chiede niente. In realtà la cosa migliore che tu possa fare è venire in Italia a studiare e vivere come un vero italiano, praticando piano piano le nuove regole che impari. E tu? A quale categoria di studente appartieni?

Condividi su

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Iscriviti al Blog